border terrier border terrier caratteristiche border terrier carattere border terrier cuccioli border terrier prezzo border terrier allevamento Italia deerhound caratteristiche levriero scozzese deerhound cuccioli deerhound carattere deerhound prezzo deerhound allevamento italia cuccioli puppies breeder scottish deerhound terrier levrieri
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Parlando di deerhound è inevitabile non rivolgere la propria attenzione ad una delle più particolari tipologie di razza canine, i levrieri. Tra le più antiche razze selezionate dall'uomo per la caccia, i levrieri hanno caratteristiche morfologiche e temperamentali molto precise, determinate dal fatto che almeno originariamente, questi cani erano chiamati a provvedere in "prima persona" all'avvistamento e all'inseguimento diretto delle loro prede. 
Nel caso del deerhound la preda d'elezione era rappresentata dal cervo reale rosso inglese. 
Di conseguenza possiamo immaginare quanto i deerhound fossero capaci di notevole aggressività per svolgere al meglio il loro lavoro, aggressività stemperata poi nei secoli successivi nel corso dei quali la razza cedette il passo alle armi da fuoco utilizzate per la caccia al cervo. 
Ciò permise al levriero scozzese di diventare un tranquillo e particolare compagno (senza tuttavia perdere quell'istinto alla caccia a vista) nei manieri della nobiltà scozzese per poi attraversare i confini britannici ed appassionare tanti amanti della razza in Europa e nel resto del mondo.  
Di seguito troverete un menu che vi porterà alla scoperta di questa magnifica razza, delle sue caratteristiche, della particolare cura del mantello e dei nostri cani. Buona navigazione!  
 
 
 
 
C'è qualcosa di molto speciale nel deerhound che gli permette di attrarre esclusivamente veri appassionati: questa è una razza che evoca in un lampo l'antica storia scozzese ed in particolare, ai più cinofilicamente eruditi, quella della caccia al cervo a quelle latitudini. 
I tempi sono ovviamente cambiati, ma il deerhound no; questo è ancora un grande animale, un cane che reca in sé secoli di storia selettiva e grande dignità. 
Quelli che come noi apprezzano genuinamente la razza sembrano essere "stregati" dal deerhound, e indubbiamente questa non può essere considerata una razza per "tutti", aldilà di qualsiasi discorso meramente elitario o, peggio, modaiolo. 
Il deerhound è innanzitutto un cane di grande taglia, e sebbene sia sorprendentemente adattabile ed abile nell' occupare poco spazio quando si raggomitola per concedersi un po' di riposo, cosa ben diversa è vederlo comodamente disteso sul vostro divano preferito (o più spesso, sul vostro letto preferito!), sdraiato di fronte al camino o osservarlo passeggiare ad altezza "cibo" quando la cena è pronta in tavola. 
Un deerhound richiede quindi spazio ed è senz'altro bene porre qualche dubbio sulla sua presenza all'interno di un piccolo appartamento, anche se è pur vero che entro le mura di casa da prova di essere un perfetto pantofolaio! 
 
 
 
Per quanto le sue forme armoniche difficilmente possano far riflettere sul fatto che un maschio adulto può arrivare a pesare fino a 45 kg, é bene considerare che questo cane ha un'ottima coscienza di sé ed è quindi sempre necessario chiedersi se saremo in grado di gestire, da un punto di vista fisico, un cane di queste dimensioni, pensando soprattutto alla gestione del cane fuori dalle mura di casa; il deerhound è infatti un cane grande ma che prende velocità rapidamente, in grado di compiere grandi balzi; quindi il prerequisito per diventare un buon proprietario per il proprio deerhound é quello di essere innanzitutto un buon educatore preciso e paziente! 
Attivo all'aperto e gentile tra le mura di casa, generalmente il deerhound ha un atteggiamento amichevole, docile e di buon temperamento; Questi aspetti della sua personalità sono caratteristici della razza, anche in relazione al fatto che un cane di questo tipo con un temperamento negativo sarebbe davvero di difficile gestione. 
Il deerhound è un cane generalmente ben disposto ed è quindi piuttosto facile ottenere attenzione (anche se ha dei tempi da "deerhound"... che equivale a dire che difficilmente scatterà sull'attenti ad ogni vostro richiamo!), grazie anche ad una gran voglia di gratificare il padrone. 
Una storica allevatrice della razza, Mrs Norah Hartley (Rotherwood kennel) amava definire i deerhound come "obbedienti, gentili, fiduciosi e mai sospettosi", affermando anche che:" il deerhound può essere un ideale compagno solo per coloro i quali ne sappiano riconoscere le innate virtù"... e quanto aveva ragione! 
In generale, i cani di grossa taglia come il deerhound non vivono a lungo come al contrario quelli di piccola taglia, quindi è ben considerare che molto difficilmente un deerhound continuerà a farci compagnia dopo i 10 /11 anni, anche se esistono delle eccezioni, che rimangono pur sempre tali.  
Pensando alla salute, Il deerhound è una razza piuttosto sana anche se esistono delle malattie associate alla razza (shunt portosistemico, Fattore VII ematico e osteosarcoma senile) per le quai in ogni caso gli allevatori responsabili (tra i quali ci pregiamo di essere!) testano i loro cuccioli per accertarne la salute, e tramite specifici esami ricercano la determinazione a livello genetico della situazione di queste malattie nei riproduttori (carrier/portatori o sani). 
 
 
 
 
 
 
 
Il deerhound è perfettamente in grado di percepire gli umori del padrone, ma è bene aspettarsi da lui un rapporto di amicizia e lealtà piuttosto che un atteggiamento di sudditanza. 
Essendo amichevole e curioso, il deerhound convive bene anche con altri cani, siano essi di piccola taglia (come ad esempio i nostri border terrier) che di grandezze pari alla sua; Bisogna tuttavia fare attenzione a cani particolarmente anziani o giovanissimi che per sbaglio potrebbero essere, durante le fasi di gioco intenso,"sballottati" da un cane di tale taglia. 
È curioso notare che molti cani di piccola taglia amino riposarsi insieme  al  deerhound, che per l'occasione può diventare un grande, grigio e caldo cuscino! 
Da buon "ex" cacciatore, il deerhound non esita a cacciare (meglio se ha la possibiltà di rincorrere la sua preda!) altri animali domestici di piccola e media taglia, anche se si dimostra, previa appropriata educazione, piuttosto tollerante alla presenza dei gatti entro le mura di casa. 
Anche con i bambini i deerhound si dimostrano tranquilli, ma è bene assicurarsi che entrambi si trattino in maniera rispettosa e attenta: questo è particolarmente importante per un cane di questa taglia che per sbaglio o giocando, potrebbe recare danno a bambini piccoli; Spesso i bambini "organizzano" giochi con i cani/cuccioli tendendo all'eccessivo eccitamento del cane, ed anche ciò potrebbe risultare pericoloso e quindi da evitare.  
I deerhound sono comunque piuttosto tolleranti e gradiscono la compagnia dei bambini, specialmente se vengono abituati alla loro presenza fin da cuccioli; D'altro canto i deerhound, come tutti gli altri cani, apprezzano un certo "grado" di calma e tranquillità entro le mura di casa, ed il limite della loro tolleranza non dovrebbe mai essere messa alla prova da "cuccioli di uomo" particolarmente agitati. 
 
 
 
Lo standard di razza indica in linea generale quali debbano essere le caratteristiche distintive di un cane appartenente alla razza che lo standard stesso descrive.  Nel caso del deerhound le poche indicazioni citate danno un'indicazione generica della strada da seguire nel progetto di selezione dei riproduttori. Risulta quindi molto importante per tutti gli allevatori seguire aldilà dei propri progetti di allevamento l'insieme delle regole non scritte tramandate di cane in cane, da allevatore ad allevatore riguardanti i riferimenti all' effettiva morfologia del deerhound, nonché dei particolarissimi tratti caratteriali. 
E' doveroso ricordare che lo standard di razza ed i relativi precetti in esso descritti furono redatti agli inizi del secolo scorso nell'ottica dei primi allevatori e selezionatori i quali volevano evitare soprattutto che il deerhound fosse troppo velocemente trasformato in un cane "diverso" da quello che da tempi remoti veniva considerato tra i più antichi e nobili levrieri di Scozia e del Regno Unito. Sostanzialmente il deerhound ha una struttura del tutto simile al greyhound benché più pesante nonchè con una misura maggiore al garrese. 
Il debutto del deerhound come cane da esposizione avvenne a Manchester nel 1861 dove il Duca di Beaufort espose un solo soggetto; dopo due anni, sempre a Manchester, lo stesso Duca portò con sé un gruppo di deerhound che riscosse un incredibile successo. Nel 1896 la Regina stessa portò i suoi cani a Londra alla mostra di Earl's Court, e ciò diede buon impulso alla presenza della razza in esposizione. 
Alla fine del XIX secolo il deerhound aveva ingiustificatamente ridotto la sua taglia e solo pochi tra i cani che frequentavano le esposizioni potevano dirsi della taglia corretta, come ad esempio "King of the forest" (ben 84 cm al garrese!) di proprietà di Lord Bredalbane che congiuntamente al Capitano Graham (che possedeva un suo allevamento di deerhound oltre che ai suoi storici irish wolfhound) compilò una lista dei più meritevoli deerhound degli ultimi 100 anni; di questi, Torrum sembrò essere il più importante, descritto come: "un grande modello della razza, potente ed aggraziato, con abbondante mantello blue-brindle". Tuttavia i tentativi precedenti di "migliorare" la razza con l'introduzione di sangue proveniente da altre razze e la mancanza di un progetto selettivo unitario, portarono alla creazione di diversi tipi di deerhound e pochissimi di questo potevano essere considerati come tipici, quando per" tipico" si considerava il deerhound di color grigio scuro, di buona ossatura e di taglia elevata allevato nelle highlands scozzesi.  
Questi problemi furono ferocemente affrontati dal neonato Deerhound Club nel 1892 che fino alla stesura dello standard nel 1901 ebbe vita dura a causa delle discussioni tra gli allevatori riguardo alla taglia corretta. Dall'accettazione dello standard da parte del Kennel Club il deerhound rimase fortunatamente nelle mani di pochi appassionati allevatori che ne fissarono caratteristiche univoche e riconoscibili che permise loro di aggiudicarsi un posto d'onore nella storia della razza, anche in tempi recenti; Tra tutti citiamo i cani di Mrs Norah Hartley (Rotherwood kennel) l'ormai mitico nome di Miss Anastasia Nobel (Ardkinglas kennel) il cui lavoro selettivo ha influenzato tutte le linee di sangue moderne nel Regno Unito e oltre Manica. Tuttavia nel cuore di tutti gli appassionati intenditori della razza occupa uno spazio di favore il "campione dei campioni", la femmina allevata da Mr. St. Ronan "Rhyme" (1903) da molti considerata il miglior deerhound di sempre: di lei fu scritto: "probabilmente il cane davvero perfetto tra tutti i cani appartenenti alle razze conosciute ai giorni nostri". Un grande riconoscimento per una grande razza! Official Standard on [Pdf]